Taralli Pugliesi: la ricetta

ricetta dei taralli pugliesi

Questa ricetta dei taralli pugliesi sarà per te un successione!!

L’unica difficoltà è solo legata al tempo necessario per dare la forma ai taralli.

Il resto è una passeggiata!

Infatti la ricetta dei taralli non richiede neanche la lievitazione dell’impasto rendendola ideale per chi non ha mai panificato oppure è alle prime armi con la panificazione.

Inoltre con questa ricetta puoi dare sfogo alla tua fantasia!

In che modo?

Più avanti leggerai in quanti modi ho fatto i taralli. E chissà quante altre idee puoi farti venire… Anzi se ti vengono in mente altri gusti, scrivi pure un commento!

 

RICETTA DEI TARALLI PUGLIESI

 

INGREDIENTI PER CIRCA 70/100 TARALLI:

Farina possibilmente integrale: 500 grammi

Vino bianco: 200 ml

Olio extravergine di oliva: 120 grammi oppure 110 ml

sale: mezzo cucchiaio.

 

PROCEDIMENTO:

1) Impastare la farina con  vino bianco, olio e sale fino ad ottenere un impasto elatico ed omogeneo, come questo:

Optimized-taralli 2

2) Se possibile, fai risposare l’impasto per trenta minuti a temperatura ambiente (io ad esempio salto questo passaggio)

3) Adesso è il momento di dare forma ai taralli: forma dei cordoncini del diametro poco più piccolo di un mignolo ed una lunghezza superiore al mignolo (8 – 12 cm).

In ogni caso non preoccuparti delle dimensioni, qualsiasi dimensione andrà bene. Unisci il cordone a meno di mezzo centimetro delle due estremità, quindi ottieni la classica forma dei taralli.

Optimized-taralli 3

4) Porta l’acqua a ebollizione ed immergi i taralli.

Questi ultimi appena immersi nell’acqua si adageranno sul fondo del tegame. Dopo meno di un minuto arriveranno a galla e non dovrai fare altro che raccoglierli con una schiumarola e porre i taralli su un panno.

I taralli sono quasi pronti!

 

5) Adagia i taralli su una teglia e fai cuocere in forno per circa venticinque minuti a 190 gradi.

Ecco il risultato:

Optimized-taralli 4

Per la scelta dei gusti, ti invito a sfruttare tutta la tua inventiva.

In questa infornata per esempio, per i taralli chiari ho usato la farina di farro tipo 0, mentre per i taralli scuri ho utilizzato farina di grano tenero tipo 1, farina integrale e vino rosso anzichè bianco.

Come gusti ho provato: ai semi di finocchio, alle olive, alle noci, alle mandorle, ai semi di lino, semi di girasole, al farro e grano saraceno (15 percento), ai pistacchi, alla pizza (origano e salsa), ai capperi.

Come vedi ti puoi sbizzarrire come vuoi. E ricorda di lasciarmi un commento se ti vengono in mente altri gusti!

E’ stato un successone. E lo sarà anche per te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.