• Ricerca

Le migliori padelle antiaderenti per cucinare sano: recensioni

Migliori Padelle Antiaderenti Cucinare Sano Recensioni

Le padelle antiaderenti permettono di cucinare le nostre pietanze senza olio o condimenti, impedendo al cibo di rimanere attaccato al fondo e quindi di bruciarsi. Questo tipo di utensili da cucina sono molto comode e hanno origini lontane: si pensa infatti che fin dai tempi degli antichi romani ci fossero dei particolari rivestimenti che permettevano ai cibi di cucinarsi uniformemente senza attaccarsi al fondo e venivano allora utilizzate per le cotture a fuoco lento di stufati e verdure.
Quali sono invece al giorno d’oggi i materiali migliori con cui vengono realizzate le padelle antiaderenti e come vanno trattate in funzione delle loro caratteristiche? Quali sono i migliori modelli e come dobbiamo sceglierli? Ma soprattutto, quali sono i pro e i contro per la nostra salute? Scopriamolo assieme.

Lista degli argomenti

Le padelle antiaderenti in teflon: pregi e difetti

A partire dagli anni ‘60, il teflon è diventato il materiale più utilizzato per la realizzazione delle padelle antiaderenti; questo particolare politetrafluoroetilene (PTFE) è stato per lungo tempo al centro di numerose polemiche per via del dibattito sulla sua tossicità, tanto che negli ultimi anni i fondi in simil-ceramica o pietra lo hanno in parte sostituito.
Ma le padelle antiaderenti in teflon sono davvero rischiose per la nostra salute? In realtà questo rischio non viene causato dal materiale in sé, quanto dallo strato di alluminio sottostante; può capitare infatti che il fondo in teflon si possa rigare – magari per via dell’utilizzo improprio o accidentale di una forchetta o di un coltello – permettendo al cibo di andare a contatto con l’alluminio, che potrebbe risultare dannoso per l’organismo umano se non trattato a dovere. Inconvenienti spiacevoli sono quindi una possibilità concreta quando si utilizzano pentole o padelle di bassa qualità, ma è comunque opportuno adoperare sempre degli strumenti in legno oppure con le punte arrotondate così da evitare il problema alla radice; nel caso una pentola in teflon risulti vistosamente rigata, in ogni caso, è sempre meglio sostituirla. Ma quali sono i pregi e i difetti di questa tipologia di padelle? Fra i punti a favore il prezzo è sicuramente il più evidente: i rivestimenti in simil-ceramica o pietra si rivelano decisamente più affidabili e duraturi, rendendo il teflon la più economica delle scelte. I maggiori difetti di queste stoviglie risiedono appunto nella loro durata non elevata, in quanto – come già sottolineato – il rivestimento si può rigare o segnare facilmente (per cui è sempre meglio evitare lavaggi con spugne abrasive).

Le padelle antiaderenti in teflon più valide e affidabili

Set di pentole antiaderenti Kärcher in alluminio pressofuso

Data la diffusione sempre più elevata di alternative ai rivestimenti antiaderenti in teflon e considerata la relativa economicità del materiale in questione, è possibile trovare in commercio interi set di buone pentole a prezzi davvero convenienti. È il caso di questo set della Kärcher, composto da una casseruola da 16 cm, tre pentole con coperchio in vetro (dai diametri di 16, 20 e 24 cm), due tegami (da 24 e 28 cm). Nonostante il costo contenuto, questo set di pentole si lascia apprezzare per la sua solidità e per la resistenza del suo rivestimento; inoltre, al contrario di quanto spesso accade, la dotazione di coperchi ne prevede uno per ogni singola pentola e non uno per ogni misura. Se proprio dobbiamo trovare una pecca, va sottolineato che i manici tendono a scaldarsi leggermente durante la cottura; ma non ce la sentiamo di farne una colpa alla Kärcher, considerato che nel set è compreso un paio di comode presine omaggio!

ACQUISTALE ORA SU AMAZON!

Set di padelle antiaderenti Kärcher da 3 pezzi in alluminio pressofuso

Oltre al buon set di padelle consigliato in precedenza, la Kärcher mette a disposizione sul suo catalogo anche diverse padelle antiaderenti, sempre con rivestimento in teflon. Per questo set di tre pezzi (dai diametri di 20, 24 e 28 cm) rimane valide quanto detto in merito alle pentole: si tratta di stoviglie solide e affidabili, adatte a tutti i piani di cottura e lavabili anche in lavastoviglie; il rivestimento antiaderente interno è realizzato con dell’apposito teflon antigraffio che ne preserva l’integrità (continua ad essere valido in ogni caso il consiglio di non utilizzare strumenti appuntiti mentre si cucina). Nonostante la buona qualità, anche in questo caso il prezzo è davvero vantaggioso. Il set, purtroppo, non comprende i coperchi in vetro per le singole padelle: in compenso, nel caso si decida di acquistare anche il set di pentole citato in precedenza, si potranno usare gli stessi coperchi. Un’ottima scelta per chi è alla ricerca di padelle antiaderenti affidabili e non vuole spendere una fortuna.

ACQUISTALE ORA SU AMAZON!

Simil-ceramica ed effetto pietra: pregi e difetti delle alternative al teflon

Negli ultimi anni sono nate diverse alternative alle pentole e alle padelle antiaderenti con rivestimento in teflon. Il principale sostituto è il rivestimento in simil-ceramica, sempre applicata su una stoviglia con base in alluminio; si tratta di una lavorazione che comprende una forma di verniciatura con polveri ceramiche bianche, il che dona alle stoviglie un aspetto molto simile – per l’appunto – a quello della ceramica. A partire dagli ultimi anni del 2000 questo tipo di pentole e di padelle si è guadagnato una buona fetta di mercato grazie anche al gradevole aspetto estetico che le contraddistingue; tuttavia, anche questo trattamento ha dei pregi e dei difetti che andremo ora ad analizzare.
Il maggior punto di forza di questa tipologia di pentole risiede senza dubbio nella diffusione ottimale del calore, che favorisce così una cottura uniforme; a fronte di questa dote, però, va segnalato che il rivestimento in simil-ceramica non ha le stesse proprietà antiaderenti del teflon e che pertanto sarà necessario cucinare le nostre pietanze con una minima base d’olio. Inoltre, pur essendo leggermente più resistente del teflon, la simil-ceramica può ugualmente rovinarsi con l’uso improprio di strumenti taglienti o anche semplicemente a causa di un lavaggio particolarmente aggressivo. Proprio alla luce di questi difetti, negli ultimi anni si sono fatte sempre più comuni le padelle con un rivestimento esteticamente molto affine alla pietra ollare: anche in questo caso non si tratta di vera pietra ma di un rinforzo a base di particelle minerali; ad ogni modo sono più resistenti sia di quelle in teflon che rispetto a quelle in simil-ceramica, ed anche l’antiaderenza è garantita a buoni livelli; il prezzo è relativamente basso e si pone mediamente a cavallo fra le due tipologie di pentole descritte finora: ciò le rende probabilmente la scelta migliore attualmente disponibile sul mercato, in attesa di nuove tecnologie.

Le migliori padelle antiaderenti in ceramica e pietra

Set di 12 pentole e padelle Love Pan Beets antiaderenti con rivestimento in ceramica

Se siete alla ricerca di pentole e padelle con un buon rivestimento in ceramica, non vi serve cercare oltre. Questo set completo comprende una padella dal diametro di 20 cm, tre casseruole (da 16, 20 e 24 cm), un tegame da 24 cm e un paio di utili strumenti omaggio: ogni singolo pezzo comprende anche il rispettivo coperchio in vetro. Oltre al design ergonomico e a un’ottima tecnica costruttiva (i materiali sono davvero di prima qualità), queste padelle garantiscono un alto livello di antiaderenza, grazie al rivestimento ceramico Maxlon: questa particolare tecnologia è duratura e molto facile da pulire – è sufficiente una spugna morbida con un po’ di acqua e sapone – ma soprattutto è realizzata con materie prive di elementi potenzialmente nocivi come il PFOA. Qualità e sicurezza, dunque, unite ad un prezzo decisamente concorrenziale.

ACQUISTALE ORA SU AMAZON!

Set di 5 pentole e padelle antiaderenti Tognana, grigio, effetto granito

Questo set di pentole antiaderenti della Tognana si distingue per il suo corpo in fusione di alluminio molto spesso e per il fondo speciale, dotato di canali Thermo3D che uniscono all’elevata robustezza un’ottima diffusione del calore. Il rivestimento esterno ha un effetto granito, così come l’interno, strutturato su ben cinque strati; i manici in bakelite, dall’aspetto in simil-legno, rendono le pentole di questo set pratiche, ergonomiche e maneggevoli. Le proprietà antiaderenti sono davvero ottime, tanto che a fuoco basso si può cucinare con appena una goccia d’olio; le sue proprietà di diffusione termica, inoltre, unite al già citato fondo Thermo3D permettono di cuocere le pietanze con dei tempi relativamente ridotti contribuendo così anche ad un sensibile risparmio energetico. Nel set sono comprese due padelle (da 24 e 28 cm), due casseruole (16 e 24 cm) e un grill rettangolare da 34 x 24 con manico pieghevole.

ACQUISTALE ORA SU AMAZON!

Lascia una commento

Avatar Scritto da Michelangelo Pasini